La conformità alla TPD (Tobacco Products Directive) è diventata una priorità nell’industria del vaping. Ma cosa significa esattamente essere TPD compliant? Scopriamo insieme le normative e i requisiti che i produttori e i consumatori devono rispettare per operare nel rispetto della direttiva TPD.

 

TPD Compliance: Il nuovo vocabolario dell’industria del vaping

Il termine “TPD compliance” è ormai diventando di uso comune nel settore del vaping. Da quando la direttiva dell’Unione Europea è stata introdotta nel 2016, ha portato a importanti cambiamenti nell’industria, con l’obbligo per tutti di assicurarsi che i propri dispositivi di vaping siano conformi alla TPD.

La TPD, acronimo di Tobacco Products Directive, è una direttiva dell’UE che regolamenta la vendita e la commercializzazione dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati, inclusi i dispositivi di vaping. 

 

Obiettivi della TPD: Proteggere i minori e i consumatori

La TPD ha come obiettivo principale la protezione dei minori e dei consumatori di prodotti del tabacco. La direttiva si impegna a garantire che solo persone di età superiore ai 18 anni possano acquistare e utilizzare sigarette elettroniche e prodotti correlati. Inoltre, stabilisce standard di qualità e sicurezza per i dispositivi di vaping e i liquidi, al fine di informare i consumatori sulla presenza di nicotina nei prodotti acquistati.

 

MHRA Registration: Il processo per ottenere la conformità alla TPD

La registrazione presso l’agenzia MHRA (Medicine and Healthcare Products Regulatory Agency) è un passaggio fondamentale per ottenere la conformità alla TPD nel Regno Unito. Tutti i produttori di dispositivi di vaping e liquidi devono notificare e registrare i loro prodotti presso l’autorità competente. Questo processo si applica anche ai prodotti esistenti prima del 20 maggio 2016, consentendo loro di essere commercializzati anche prima della scadenza dei sei mesi.

 

TPD Compliant Restrictions: Le restrizioni imposte dalla direttiva TPD

La TPD impone una serie di restrizioni per garantire la conformità. Ad esempio, i serbatoi utilizzati nelle sigarette elettroniche devono avere una capacità massima di 2 ml e devono essere registrati sul sito web della MHRA, ottenendo un numero di identificazione della Comunità Europea (ECID). È inoltre necessario apporre sui serbatoi l’avvertenza riguardante la presenza di nicotina.

Per quanto riguarda i liquidi, è obbligatorio effettuare test sulle emissioni per i liquidi contenenti nicotina, che devono essere condotti in laboratori accreditati. Ogni bottiglia di liquido contenente nicotina può avere una capacità massima di 10 ml, e la concentrazione di nicotina non deve superare il 2,0% o 20 mg/ml. Inoltre, i liquidi non devono contenere ingredienti come caffeina, taurina e altre sostanze stimolanti. Sono vietati additivi con proprietà coloranti e additivi con proprietà carcinogene, riproduttive o mutagene nella forma non bruciata. È vietata anche l’aggiunta di vitamine o additivi che possano suggerire benefici per la salute o ridurre i rischi per la salute associati al consumo di prodotti del tabacco.

Le boccette di liquido devono essere dotate di beccucci lunghi almeno 9 mm e di tappi a prova di bambino che limitano il flusso del liquido, rilasciando al massimo 20 gocce al minuto. È inoltre necessario che ogni confezione di liquido contenga fogli informativi e avvertenze chiare. Sulla confezione dei liquidi per sigarette elettroniche conformi alla TPD deve essere chiaramente indicato: “Questo prodotto contiene nicotina, una sostanza altamente dipendenza“. Tale avviso deve occupare il 30% della superficie sia sul fronte che sul retro dell’imballaggio.

 

Conclusione: L’importanza della conformità alla TPD nell’industria del vaping

La conformità alla TPD è diventata una priorità assoluta per l’industria del vaping nell’Unione Europea. Le restrizioni e i requisiti imposti dalla direttiva sono progettati per proteggere i consumatori, in particolare i minori, e garantire che i prodotti del vaping siano di alta qualità e sicuri. La registrazione presso l’autorità competente, come l’MHRA nel Regno Unito, è un passo fondamentale per ottenere la conformità. Inoltre, rispettare le restrizioni sulla capacità dei serbatoi, la concentrazione di nicotina, gli ingredienti consentiti e le avvertenze sull’imballaggio è essenziale per operare legalmente e fornire prodotti conformi alla TPD.

Leave a Comment

Top Selling Multipurpose WP Theme

Newsletter

Subscribe my Newsletter for new blog posts, tips & new photos. Let's stay updated!

Dal 2012, ci dedichiamo alla consulenza e alla gestione di prodotti per il settore dello svapo. Siamo orgogliosi di aver aiutato il 70% dei nostri clienti a smettere di fumare grazie ai nostri consigli personalizzati. La soddisfazione dei nostri clienti è la nostra priorità e ci spinge a fornire un servizio di alta qualità.

Copyright © Svapobat Barletta 2012